Nonostante la mia scarsa conoscenza dello Champagne (e delle bollicine in genere) è difficile non rimanere colpiti dalla Cuvee Sir Winston Churchill di Pol Roger. Annata 2004 di una cuvee in cui il peso in termini percentuali delle due uve che la compongono (Chardonnay e Pinot Nero) è da sempre gelosamente custodito nelle cantine della Maison (si mormora una netta predominanza del Pinot Nero). Il vino però è sotto gli occhi di tutti di un colore giallo dai vivaci riflessi dorati, con un perlage fine ed “infinito”. Il naso ipnotizza per l’incessante susseguirsi di emozioni olfattive che sa esprimere. Inizialmente si apre su note agrumate a cui fanno seguito sentori di frutta candita, frutta secca, miele e note di panificazione. La bocca è maestosa per la complessità della trama, la finezza, la mineralità, la freschezza, la lunghezza del sorso ed il grande equilibrio. Nulla è fuori posto. Fra le migliori bevute che io ricordi

0 Comments

Leave a reply

©2021 KLEO Template a premium and multipurpose theme from Seventh Queen

CONTACT US

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Sending

Log in with your credentials

Forgot your details?