Serata “Selosse e Clos Des Goisses – Lo Champagne che non ti aspetti”
29/03/2017

Relatore: Federico Aldrovandi

Degustazione di 6 Champagne selezionati da Moonimport, produzioni che partono dalle mani di Récoltant-Manipulant in quella che potrebbe esser definita una attenta “rappresaglia interpretativa” dello spumante più celebre al mondo.
Le grandi Maison hanno infatti contribuito a fare dello Champagne un prodotto di lusso e dagli anni ’70 sino a poco ai giorni nostri esso trasmetteva non ricerca, non innovazione, non libertà espressiva ma omologazione, standardizzazione e tradizione.

Con Federico Aldrovandi abbiamo invece esplorato il cambiamento: abbiamo assaggiato 7 produttori che hanno rilanciato l’immagine dello Champagne di oggi. Uno Champagne che diventa sempre più identitario del territorio e della vocazione del vigneron.

GASTON CHIQUETBlancs de Blancs d’Ay – Grand Cru 100% Chardonnay
Invecchiamento sui lieviti mediamente per 7 anni.
Vivace, morbido, bello dritto. Una beva dalla quale non ti staccheresti mai. Molto equilibrato, carbonica forse poco incisiva, ma è solo un mio gusto.

FERNAND THILLTradition – Verzy Grand Cru 70% Chardonnay, 30% Pinot Noir
Champagne fresco e delicato, volutamente lontano da personalità decise; “riflesso di una tradizione sempre rispettata”, come lo definisce Moonimport. Come dargli torto.

PASCALQuinte Essence 2005 millesimato – 60% Pinot Noir, 25 % Pinot Meunier, 15% Chardonnay
Champagne un filo “pretenzioso”, oserei dire quasi pesante, caramelloso come una crème brulée. Non esattamente elegante.

EGLY OURIETTradition Grand Cru – 70% Pinot Noir e 30% Chardonnay
Fermentazione naturale senza lieviti aggiunti, si utilizzano solo lieviti indigeni. Primo élevage sui lieviti che dura circa un anno. Giallo dorato intenso, naso raffinato ma complesso.
Al palato è cremoso, fresco e avvolgente. Una carbonica che si comporta fin troppo bene… Champagne che esprime il “fenome Selosse”. La mia preferenza assoluta della serata.

DAVID LECLAPARTL’Amateur Blancs de Blancs DZ 1er Cru – 100% Chardonnay.
Di questo Champagne fatico ad essere entusiasta, secondo il mio palato era quasi ossidato. Forse una bottiglia sbagliata.

JACQUE SELOSSEBrut Initial  Blancs de Blancs Grand Cru – 100% Chardonnay.
Invecchiamento sui lieviti di 2 anni e mezzo minimo. Stile, sperimentazione, distacco totale.
Per me secondo solo a Egly Ouriet, se proprio devo prendere una posizione.

PHILIPPONNATClos des Goisses 2005 Millesimato – 65% Pinot Noir, 35% Chardonnay.
Invecchiamento di 8/10 anni. Dosage basso (4,25 g/l). Forse il colore più seducente di tutti, naso di una complessità tostata meravigliosamente espressivo del lungo sostare sui lieviti. Vino potente, territoriale, anche in bocca. Frutto pazzesco e poi grande cremosità.
Di grande persistenza. A pari merito con Selosse, per me.

0 Comments

Leave a reply

©2021 KLEO Template a premium and multipurpose theme from Seventh Queen

CONTACT US

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Sending

Log in with your credentials

Forgot your details?